9 verità e una bugia. (8) – più o meno –

  1. A volte mi trovo ad invidiare la vita di alcune persone che conosco.
    Sembra che le loro esistenze scorrano bene, senza il minimo accenno di problemi, intoppi, ansie e paranoie.
    Come cazzo è possibile? Fingete tanto e bene oppure è proprio così? Scambiamoci per un giorno!
  2. L’invidia mi fa diventare una persona orribile.
  3. Mi vorrei dedicare di più alla scrittura ma non ho molto tempo e poi penso che tutto quello che scrivo è una merda quindi mi abbatto e rinuncio.
  4. Ho notato che, sul blog, ciclicamente viene riletto questo post: Ritrovare la leggerezza.
    Era la fine del 2014: non era un gran periodo per me.
  5. Ricordare me stessa in quel periodo mi fa stare male.
  6. Nella città dove lavoro hanno già installato gli addobbi luminosi di Natale per le strade.
  7. Questa cosa del Natale mi fa salire un po’ di ansia.
  8. Il fatto che il 2017 si avvicini sempre di più mi fa salire ancora più ansia.
  9. Fino a pochi secondi fa pensavo fossero già le 18:00.
  10. Oggi è proprio una giornata di merda.

9 verità e una bugia. (7)

  1. Adoro viaggiare.
  2. Considerando il punto numero 1, per viaggiare è necessario, a volte, prendere un aereo.
    Bene: volare mi fa proprio tanta paura e mi lascia addosso per tutto il giorno un terribile senso di nausea.
    Quando mi riprendo però mi sento veramente tanto stupida.
  3. Penso, molto, molto molto spesso, che alcune persone non sanno stare al mondo.
  4. Non ho difficoltà a chiedere scusa.
  5. Ho serie difficoltà a dimostrare il mio affetto e quando ripenso al momento che avrei dovuto sfruttare, mi pento di non averlo sfruttato al massimo e mi sento in colpa.
  6. Credo di soffrire della sindrome dell’impostore.
  7. A volte mi trovo ad invidiare le persone che non hanno pensieri, o almeno sembra che non li abbiano. Come fanno?
  8.  Non smaltisco facilmente una delusione.
  9. Oggi sono decisamente stanca, ed è solo martedì.

9 verità e una bugia. (5)

  1. Scriverò 9 bugie e 1 verità, prima o poi.
  2. Non sopporto a livello viscerale le scarpe aperte, perché mi fanno un po’ senso i piedi.
  3. I topi mi spaventano molto più dei serpenti. Non so perché. Lo so è insensatezza pura!
  4. La mattina non ho bisogno di un’orchestra che suona La Cavalcata delle Valchirie per alzarmi dal letto.
  5. Non mi trucco spesso.
  6. Quando mi trucco, però, abbondo di matita nera come se non ci fosse un domani.
  7. Quando disgraziatamente mi passa per la testa un pensiero di origine paranoica entro in un imbuto cosmico di paranoia dal quale riemergo con molta fatica.
  8. Da piccola, mia nonna materna, quando ero malata, preparava sempre il riso in bianco e me lo serviva però con un po’ di acqua di cottura.
    Da allora ho una vera e propria repulsione per il riso in bianco brodoso.
  9. Da piccola avevo una paura tremenda di Babbo Natale.
  10. L’insensibilità verso le persone in generale, per me, è inqualificabile.

9 verità e una bugia. (4)

  1. Quasi tutti i giorni, appena esco da lavoro, chiamo mio padre.
    Ultimamente non ci vediamo di frequente e quello è l’unico momento in cui entrambi possiamo parlare in pace.
  2. Preferisco la verdura alla carne, non perché io abbia un credo vegetariano, ma perché la verdura mi piace di più.
  3. Ho una vera e propria fissazione per il cibo.
  4. Non sono affatto golosa.
  5. La mattina, per quanto mi riguarda, inizia dopo il cappuccino.
  6. Dovrei mettere gli occhiali perché le mie diottrie mi stanno abbandonando.
  7. Ogni settimana mi riprometto che “lunedì inizio a fare un po’ di esercizi” oppure “da lunedì inizio a mangiare più sano” e tutti i migliori propositi immaginabili per poi rimandare al lunedì successivo e così ad infinitum, mantenendo la parola nella stessa maniera in cui la mantiene Pinocchio.
  8. Non sono una persona ponderata.
  9. Quando sono in luoghi pubblici osservo le persone e immagino come potrebbero essere le loro vite.
  10. Ogni tanto mi fermo a riflettere che qualcuno potrebbe fare la stessa cosa con me e immaginare com’è la mia vita e di conseguenza mi assale un fortissimo imbarazzo.

9 verità e una bugia. (3)

  1. Sono tendenzialmente ansiosa.
  2. Da circa due anni ho sviluppato un’ipocondria soffocante.
    Intendiamoci, ero già ipocondriaca, ma ora lo sono a livello master-pro. (viva me!)
  3. Il fatto di avere un medico sfuggente e frettoloso non agevola il mio perenne stato di ansia.
  4. Quando mi arrabbio, divento arrogante e terribilmente irritante.
  5. A proposito di arroganza: una volta una persona, che mi era molto cara, mi disse che si riferiva a sé stessa come fosse una divinità, e parlava a sé stessa in terza persona.
    Non era uno scherzo. Ancora, se ci ripenso, stento a crederci.
  6. La morte non mi spaventa. Essere chiusa dentro una cassa e risvegliarmici dentro, viva; sì, mi terrorizza.
  7. Vorrei tanto essere bionda e riccia.
  8. Adoro viaggiare in treno.
  9. A proposito di treni: una volta ho preso una multa, in treno, da oltre 500 €  perché il mio biglietto sembrava obliterato 2 volte.
  10. Ho pagato la multa, come tutte le multe che prendo.